Procedimenti cautelari

Si tratta di procedimenti sommari (che non raggiungono il livello di approfondimento dell'ordinario giudizio di cognizione), la cui funzione è quella di "congelare" una situazione giuridica controversa in attesa di una decisione definitiva (in un procedimento già pendente o che deve essere ancora instaurato).
Altra caratteristica del processo cautelare è la provvisorietà degli effetti del provvedimento che lo conclude, i quali non sono suscettibili di passare in giudicato (diversamente, ad esempio, dal decreto ingiuntivo, artt. 633 ss c.p.c., che può divenire definitivo, e per questo è un procedimento "sommario" ma non "cautelare").
I presupposti per l'emissione di un provvedimento cautelare sono il cd. fumus boni iuris e il periculum in mora: il primo elemento attiene alla fondatezza della pretesa del ricorrente, di cui deve sussistere almeno una parvenza al momento della richiesta del provvedimento; il secondo richiede che emerga il pericolo di un pregiudizio imminente e irreparabile in attesa del futuro giudizio di merito.
La tutela cautelare presenta un nesso di strumentalità con la tutela di merito alla quale però non è più indissolubilmente legata a seguito della riforma del processo civile del 2005 (si parla in dottrina di strumentalità "attenuata").

News

mag17

17/05/2022

Quanto costa il divorzio consensuale in Comune?

Il costo per un divorzio è variabile, dipendendo

mag17

17/05/2022

Ministero Giustizia: aggiornato il piano prevenzione corruzione e trasparenza

Col decreto ministeriale 28 aprile 2022

mag17

17/05/2022

Codice dei contratti pubblici: gli emendamenti alla legge delega

L’VIII Commissione (Ambiente) della Camera

mag17

17/05/2022

Privacy: docente può registrare le lezioni senza il consenso degli studenti?

<p>La <a href="https://onelegale.wolterskluwer.it/document/10SE0002527322"