Esecuzioni fallimentari

Il fallimento, nell'ordinamento giuridico italiano, è una procedura concorsuale liquidatoria, che coinvolge l'imprenditore commerciale con l'intero patrimonio e i suoi creditori.

Tale procedura è diretta all'accertamento dello stato di insolvenza dell'imprenditore, all'accertamento dei crediti vantati nei suoi confronti e alla loro successiva liquidazione secondo il criterio della par condicio creditorum, tenendo conto delle cause legittime di prelazione.

Il fallimento è regolato dal r.d. 16 marzo 1942, n. 267 (legge fallimentare), norma giuridica più volte modificata nel corso del tempo.

News

set28

28/09/2022

Avvocati: se la pubblicità è ingannevole c’è illecito deontologico

“Le promesse, le grandi promesse sono l’anima

set28

28/09/2022

Infortunio domestico: nessuna tutela se avviene al di fuori della dimora familiare

Una donna muore a causa di un incidente

set28

28/09/2022

Leggere il conflitto: percezione emozione e comunicazione

Le tre lenti di osservazione secondo Fisher,

set28

28/09/2022

Ricorso per cassazione: il vizio di travisamento della prova

La sentenza Cass. Pen., sentenza 31 agosto

set28

28/09/2022

Esecuzioni in danno di enti sanitari: ribadita l’illegittimità della proroga al 31 dicembre 2021

<p>Con l’<a href="https://onelegale.wolterskluwer.it/document/10SE0002584478"